31
Tue, Jan

L'appuntamento internazionale si è concentrato sull'importanza della ricerca scientifica. Comano ha avuto ancora una volta il ruolo di capofila con la presentazione di un importante studio sul ruolo del microbiota nell'efficacia delle cure termali in pazienti con psoriasi.

Si è da poco concluso a Castel San Pietro Terme (Bologna) il 73esimo Congresso mondiale del termalismo, organizzato da Femtec (Federazione mondiale di Idroterapia e Climatologia).

Alla presenza di circa un centinaio di partecipanti provenienti da oltre ventiquattro Paesi di tutto il mondo e di moltissimi altri collegati da remoto, tra i temi trattati particolare importanza è stata data alla ricerca scientifica in ambito termale e allo studio del microbiota.

L'efficacia di molte terapie termali sulle malattie della pelle, come ad esempio la psoriasi, è dimostrata ormai da moltissimi anni, ma è solo di recente, proprio grazie alle ricerche sul microbiota, che si comincia a conoscere l'importante ruolo che i batteri giocano nella cura termale. Oltre alla composizione chimica e alla temperatura, che rimangono fattori fondamentali, si ritiene che molto del potere curativo di alcune acque termali potrebbe essere infatti dovuto all'interazione dei batteri contenuti nell’acqua con i batteri delle lesioni cutanee.

Le Terme di Comano da questo punto di vista sono da sempre un punto di riferimento per la comunità internazionale, basti pensare che nell’ultimo quinquennio gli investimenti in ricerca sull’acqua e il suo microbiota hanno superato i 700 mila euro.

In occasione del Congresso mondiale di Castel San Pietro Terme, in rappresentanza delle Terme di Comano sono intervenuti il dottor Mario Cristofolini, già primario dermatologo all'Ospedale di Trento e oggi presidente dell'Istituto di Ricerca Termale 'G.B.Mattei' delle Terme di Comano, che ha presentato i risultati della ricerca frutto della collaborazione l’equipe del professor Olivier Jousson del Dipartimento di Biologia cellulare, Computazionale e Integrata (Cibio) dell'Università degli Studi di Trento.

In particolare, il professor Jousson, che si è occupato anche di uno studio del microbiota di tutte le acque termali del Trentino, ha rilevato nell’acqua di Comano un microbiota non alterato composto da 250 specie batteriche, di cui circa il 40% ignote alla scienza. Molte specie sono state isolate in coltura pura e hanno dimostrato di avere proprietà immunomodulanti, alcune antinfiammatorie e altre proinfiammatorie.

Scopo del prossimo lavoro”, dice Jousson, “è di dimostrare come l'efficacia della cura termale sia determinata, nell'interazione tra il microbiota dell'acqua termale di Comano (bicarbonato-calcio-magnesiaca) e quello della lesione psorisiaca, dal prevalere dei batteri dell'acqua con proprietà antinfiammatorie”.

“La ricerca scientifica è necessaria per il progresso della medicina, e lo è anche per la medicina termale al fine di documentare l attività curativa in molte patologie” aggiunge Mario Cristofolini. “Gli studi sull acqua di Comano condotti dal CIBIO dell'Università di Trento e dall Istituto G.B. Mattei individuano tra i primi al mondo il microbiota delle acque termali – finora sconosciuto e non studiato – come meccanismo d azione responsabile della favorevole attività terapeutica del termalismo.”

La soddisfazione per il successo dell'evento è espressa anche dal Direttore Sanitario delle Terme di Comano, il dottor Emanuele Clo’: “Il Congresso Mondiale del Termalismo ha confermato ancora una volta l interesse di Comano non solo nei confronti del proprio comparto ma soprattutto per la ricerca di base e clinica, di cui si conferma primo centro termale per investimenti in Italia. Il congresso di Castel San Pietro Terme è soltanto l ultimo di numerosi altri eventi e convegni scientifici che quest'anno ci hanno visto protagonisti come Terme di Comano assieme all Istituto 'G.B. Mattei', ad esempio il Congresso della Scuola della Psoriasi di Genova (16 e 17 settembre) e, grazie alla collaborazione con la professoressa Vairetti, la sessione accademica del Master di idrologia medica e medicina termale dell’Università degli Studi di Pavia (28 ottobre), che ci ha permesso di rafforzare la nostra partnership con gli enti accademici e lavorare nella formazione dei futuri medici termali”.

 

COMANO TERME. Si è tenuto sabato scorso 13 agosto il convegno “siAMO acqua”, organizzato nell’ambito della trentesima edizione della Festa dell’Agricoltura Palio dei 7 Comuni di Dasindo - Comano Terme, un momento di riflessione sul tema “acqua” dopo un’estate drammatica dal punto di vista di questa risorsa.


Dopo il saluto istituzionale del sindaco di Comano Terme, sono intervenuti il direttore di APRIE (Agenzia Provinciale Risorse Idriche e Energia), che ha posto l'accento sull’importanza dell’acqua nella vita e di come viene gestita nei vari sistemi che utilizziamo ogni giorno e il presidente di GEAS spa (Giudicarie Energia Acqua Servizi), che ha presentato la gestione delle infrastrutture dell’acqua sul territorio.


Sull’uso dell’acqua in agricoltura, ha parlato il direttore della Federazione provinciale dei Consorzi Irrigui, mentre rappresentanti di APPA e della Fondazione Edmund Mach hanno incentrato i loro interventi sulla qualità dell’acqua per le attività produttive e sulle buone pratiche in agricoltura. In chiusura è intervenuto il vicepresidente della Provincia autonoma di Trento, assessore all'urbanistica, ambiente e cooperazione.

 

 

Nel suo contributo, il vicepresidente della PAT ha portato i saluti dell’assessore provinciale all’agricoltura, foreste, caccia e pesca e ha ringraziato soprattutto i volontari di questa festa della tradizione, esempio di comunità e di solidarietà. Proprio come quello dimostrato dal Trentino in occasione della drammatica carenza idrica di quest’estate, dove ancora una volta, il nostro territorio si è dimostrato pronto nel rispondere alle richieste degli agricoltori locali ma anche delle regioni vicine. Grazie al lavoro fatto negli anni scorsi, agli investimenti, alla realizzazione di infrastrutture importanti e al miglioramento dei sistemi di irrigazione, la nostra provincia eccelle ancora una volta come esempio virtuoso, perché è impensabile che di fronte a queste difficoltà, destinate a diventare sempre più frequenti, nei territori dove l’agricoltura è asse portante dell’economia, non si investa, ancor di più oggi con le risorse messe a disposizione dal Pnrr.

I dati avevano previsto un’estate difficile dal punto di vista meteorologico, ma ben presto la difficoltà è diventata emergenza. Le misure oggetto degli interventi della Provincia condivisi con gli enti locali hanno riguardato principalmente, la riduzione della domanda, come interruzione o limitazione dell’erogazione di acqua pubblica, ma anche l'obbligatorietà del Bilancio idrico di acquedotto annuale, per intervenire puntualmente e limitare gli sprechi e garantire la qualità dell’acqua. L’uso dell'acqua, infatti, riguarda ambiti diversi, dall’agricoltura al mondo civile, a quello ambientale, per cui si rendono necessari ed urgenti una visione e un impegno unitari. Serve fare gioco di squadra, lavorare con trasversalità sulle competenze degli assessorati, in primis con il turismo, nel quale l’agricoltura trova una delle sue massime fonti di valorizzazione e di promozione ma anche con l’idroelettrico che grazie ad intuizioni del passato, ha visto progettualità lungimiranti nelle centrali e nei bacini di accumulo, nonché in concessioni importanti che hanno garantito ricadute significative in termini economici. Come ha sottolineato l’assessore, parlare di acqua alla Festa dell’agricoltura ricopre un significato e un valore maggiori, perché è proprio tra gli agricoltori che si conosce l’importanza di questo tema, non solo per la sopravvivenza ma anche per un’agricoltura sempre più di eccellenza, dove l’acqua è sempre già protagonista.

 

 

DASINDO. Un ragazzo in sella alla sua moto è uscito di strada e ne ha investito un altro alle ore una della scorsa notte, dopo la festa del paese a Dasindo, frazione di Comano Terme.

Feriti due ragazzi di 15 e 17 anni, che hanno riportato traumi vari. Entrambi i giovani sono stati portati all’ospedale Santa Chiara e fortunatamente non sono in pericolo di vita.

Oltre ad ambulanzieri e vigili del fuoco, sul posto anche una pattuglia di carabinieri di Riva del Garda, che stanno ricostruendo la dinamica dell’incidente.

 

Foto Archivio

 

COMANO TERME. Rave parties a Comano Terme, il Sindaco firma un'ordinanza. A scrivere è la Capogruppo del gruppo di minoranza Lega Salvini – Comano Terme, Alessia Baroldi: "Accolta la nostra richiesta, ma si poteva fare di più."


 

Venerdì 05 agosto 2022 è stata pubblicata un'ordinanza contingibile e urgente, firmata dal Sindaco di Comano Terme Fabio Zambotti, che istituisce il divieto di transito lungo la strada in Val Lomasona dal giorno 05 agosto 2022 al 30 settembre 2022; l'intervento si è reso necessario a seguito dei disagi causati dai cosiddetti rave parties organizzati qualche giorno fa.

Notiamo con piacere che il nostro appello per convocare un Consiglio urgente sia servito a qualcosa e che la richiesta della LEGA (specificata nella nostra mozione) di emanare un'ordinanza sia stata di fatto accolta. Apprezziamo anche che nel testo si sia preso atto delle problematiche causate da questo tipo di feste non autorizzate.

Tuttavia, nonostante il passo in avanti, a nostro avviso si poteva fare di più. Ad esempio nel testo non si menzionano gli altri luoghi in cui si sarebbero radunate queste persone per i rave parties, né si specifica nulla riguardo alla diffusione di musica ad alto volume.

Contiamo in futuro che non si aspetti l'ultimo momento per prendere delle decisioni e che si ascolti di più la minoranza, dal momento che il nostro consigliere Brena aveva già segnalato la questione al Sindaco durante l'ultimo Consiglio Comunale del giorno 28 luglio 2022.

*

Cons. comunale Alessia Baroldi

Capogruppo LEGA Salvini Premier – Comano Terme

 

More Articles ...