18
Tue, Jun

 

SELLA GIUDICARIE. “Nel 2018 l’Amministrazione comunale ha fatto una scelta coraggiosa – scrivono da Sella Giudicarie. - Niente gare pubbliche aperte ma affidamento diretto delle malghe alle aziende agricole locali”.

 

Quindi ha voluto spiegare: “In vista della scadenza delle concessioni delle malghe, l'Amministrazione comunale, consapevole delle difficoltà che il comparto agricolo sta incontrando, ha deciso di non prorogare il contratto in essere, ma di procedere attraverso la pubblicazione di un nuovo avviso di concessione a prezzo calmierato riservato ai soli titolari di uso civico locale. Scelta ponderata e necessaria al fine di favorire e supportare il comparto agricolo locale in questo difficile momento.”

 

Un comparto zootecnico importante che conta oltre 700 capi di bestiame, un impegno costante portato avanti giorno dopo giorno con determinazione e passione da parte dei nostri agricoltori. Il ruolo delle aziende agricole locali deve essere valutato non solo come sistema economico a sé, ma soprattutto come elemento di qualificazione territoriale con molteplici ricadute positive anche a favore del nostro comparto turistico montano.”

 

Per le motivazioni richiamate ampiamente in delibera, le seguenti malghe sono state così assegnate per i prossimi tre anni con canoni di concessione ridotti del 60%. Le malghe assegnate sono: Giuggia, Maggiasone, Avalina, Stabolfess con i pascoli di val d'Avez e Fraino, Lodranega, d’Arnò e Trivena.”

 

In foto Malga Lodranega

 

SELLA GIUDICARIE. La Banda Sociale di Roncone è un sodalizio ricco di tradizione ed all’interno della Comunità segna ed ha segnato momenti di festa ed altri più mesti; usanze della Banda nel periodo pasquale sono la Processione serale del Venerdì Santo ed il Concerto della Domenica di Pasqua.

Quest’anno, finalmente, dopo due anni di “silenzio forzato” è tornata sia la Processione, attraverso il suo storico percorso, che il tradizionale Concerto di Pasqua presso la palestra comunale di Roncone.

Quella del concerto 2022 è una proposta piuttosto “inedita” con due importanti novità: l’orario dello spettacolo, alle 17.30 del pomeriggio e l’invito allargato al Corpo musicale di Vigo Darè a prender parte all’esibizione.

 

 

Banda di Roncone e Vigo-Darè: insieme per il concerto di Pasqua

Apre il concerto il futuro della Banda: la Bandina Junior diretta dal giovane Matteo Ferrari, bandista anch’egli e a seguire la Bandina Senior sotto la guida di Martino Olivieri, maestro della Banda di Caderzone; un’anteprima ricca di entusiasmo a siglare l’importanza della formazione musicale per gli allievi delle Bande, messaggio ribadito poi con forza anche dal Presidente della Federazione dei Corpi Bandistici Trentini Renzo Braus nel suo intervento. Tocca poi la Banda Sociale di Roncone con quattro pezzi eseguiti con grande intensità sotto la direzione del maestro Stefano Torboli e a seguire altrettanti pezzi affidati alla bacchetta del maestro Luca Malesardi ed al Corpo musicale di Vigo Darè.

Tanti gli applausi per tutte le esibizioni, apprezzamento della qualità della musica ma anche espressione di partecipazione per un evento culturale come il Concerto della Banda che stavamo vivendo solo attraverso i ricordi.

Non sono mancati i momenti formali dei ringraziamenti alle Istituzioni, al Comune di Sella Giudicarie, al BIM del Chiese, alla Federazione delle Bande. Gli interventi del Sindaco Franco Bazzoli e della sua Vice Susan Molinari sono ricchi di gratitudine verso l’associazionismo che sta tornando in campo e non manca il pensiero al desiderio di Pace che oggi più che mai si fa vivo.

I Presidenti delle rispettive Bande, Ilaria Amistadi e Riccardo Dorna, colgono l’occasione per sigillare ulteriormente questa amicizia musicale attraverso la volontà di voler proseguire in futuro la collaborazione. In seguito una carrellata di riconoscimenti, da parte della Federazione per mano del Presidente Braus, ai bandisti che da oltre 10 anni fanno parte del gruppo; in particolare uno è rivolto a Damiano Amistadi che presta il fiato ad uno strumento dal 1977!

Degni di nota il folto pubblico presente con tante famiglie, tanti affezionati, tanti appassionati ed un microfono capriccioso che ha provato a mettere in difficoltà, senza peraltro riuscirci, la presentazione affidata a Christian Bazzoli.

Un finale a sorpresa con le due bande, unite in un’unica formazione, ad eseguire l’Inno ucraino e l’Inno d’italia.

Rientrando a casa ognuno di noi ha portato con sé una forte emozione che vuole essere Speranza di Pace.

 

 

SELLA GIUDICARIE. Il 2 aprile ricorre la Giornata mondiale della Consapevolezza sull'Autismo. Oggi, in occasione, la Biblioteca di Sella Giudicarie ha ospitato un’iniziativa promossa da Incontra Scs.

 

L’obiettivo è quello di far conoscere alla popolazione le caratteristiche di questa condizione e far si che la comunità sia sempre più in grado di facilitare l’inclusione delle persone con autismo nei contesti in cui vivono.

 

In un contesto come quello della biblioteca, la sensibilizzazione prende la forma di una mostra bibliografica attraverso cui vengono consigliati dei libri con titoli riguardanti il tema per favorire la riflessione.

 

Tra i titoli che si invita a leggere “Il bambino che parlava con la luce” di Maurizio Arduini, “Tutt'altro che tipico” di Nora Raleigh, “Una notte ho sognato che parlavi” di Gianluca Nicoletti, “Sono graditi visi sorridenti” di Franco e Andrea Antonello, “Nato in un giorno azzurro” di Daniel Tammet,”Conoscere l'autismo” di Tommaso Fratoni, “Guardami negli occhi” di John Elder Robinson, anche la visione di “Tutto ciò che voglio”.

 

ROVERETO - 28 Febbraio 2022. In platea è silenzio assoluto, il sentimento di incertezza ed impotenza generato dagli avvenimenti di questi giorni amplifica l'attenzione che il pubblico riserva allo spettacolo: un'atmosfera esclusiva accoglie "La Finestra".

 

E' il 1940, una finestra che si affaccia sulla città di Bolzano e che rappresenta l'accentuato confronto fra due donne, l'italiana Paolina ed Anne, di origine tedesca. La Finestra, das Fenster, definisce un'alternanza di contrasti: le origini, la lingua, il riso ed il pianto, i sogni e la realtà, la paura e la speranza...ed allo stesso tempo accomuna due donne, i loro travagli, i loro desideri, i loro affanni, le loro speranze, le loro interminabili attese, il loro destino segnato dall'orrore della guerra.

 

Ma è il RUMORE assordante il protagonista del finale, un finale che ha l'amaro sapore di un inizio. Abbiamo assistito al racconto della seconda guerra mondiale, oltre 80 anni fa... Oggi, 2022, a poche centinaia di chilometri da noi i rumori, gli affanni e le angosce sono purtroppo ancora gli stessi. Chi l'avrebbe mai pensato?

 

 

Applausi scroscianti per Sara e Federica, superlative sul palco, per i tecnici audio-luci e per Sebastiano che ha affiancato la regia. Ma in quest'occasione le congratulazioni sono in particolare per Gianluca Bazzoli, il nostro ronconese, che dopo parecchio teatro, cinema, un'po' di televisione e pubblicità, si presenta ora al pubblico in veste di REGISTA!

 

Per "La Finestra" una prima nazionale davvero dal gusto "nostrano" con il sostegno di CTT, Coordinamento Teatrale Trentino, ed in un Teatro, il Zandonai di Rovereto, prestigioso e sempre vicino alle proposte teatrali di attori, registi e drammaturghi della nostra Regione.

 

Oltre ciò un pezzo di Sella Giudicarie, espressione di vivacità, per l'esordio di Gianluca regista. Nel pubblico, fra i tanti, la sua grande Famiglia, i suoi amici di sempre ed i paesani affezionati.

 

 

More Articles ...